8 funzionalità delle Instagram Stories da usare per dare visibilità al tuo brand


Ti vogliamo svelare otto consigli utili per usare le Stories in modo divertente e sfruttare piccole funzionalità che potresti provare e che magari non hai ancora considerato nella tua strategia di Instagram Marketing.

Per ottenere la massima esposizione per il tuo brand su questo social, questi trucchetti potrebbero fare proprio al caso tuo.

LEGGI ANCHE: 5 consigli, strumenti e strategie per il tuo Instagram Marketing.

8 cose divertenti che non hai ancora pensato di fare nelle Instagram Stories

1. Prova lo sticker del countdown

Quando aggiungi l’adesivo del countdown alle tue Stories, puoi definire con anticipo una data e un orario, e lo sticker farà il countdown per te. Ecco qualche uso interessante:

  • per il lancio di nuovi prodotti nel breve periodo;
  • prima di un video live, dell’inizio di un evento;
  • come anticipazione per un annuncio della pubblicazione di un contenuto di Instagram.

Gli elementi interattivi, come i sondaggi e le domande, avvicinano le persone consentendo loro di partecipare direttamente all’espressione condivisa.

Il 60% delle aziende su Instagram Stories usa ogni mese un elemento interattivo nella propria storia organica: hashtag, @menzione o adesivo per i sondaggi.

Questi risultano altamente efficaci. Da marzo è possibile inserirli anche nelle Ads.

L’interattività non si limita a far spiccare le inserzioni, ma genera anche un impatto maggiore per le tue campagne incoraggiando gli utenti a guardare una storia più a lungo. L’adesivo per i sondaggi ha aumentato le visualizzazioni del video di 3 o più secondi in 9 campagne beta su 10.

2. Lancia un sondaggio

Lo sticker dei sondaggi è stato una delle prime funzionalità a coinvolgere maggiormente gli utenti (marzo 2019).

Se non hai familiarità con questo adesivo, è un semplice sondaggio a due opzioni che mostra il suo risultato non appena qualcuno clicca per votare.

Puoi aggiungere questa funzionalità alle tue Stories, anche sponsorizzate su Instagram. I primi risultati sono davvero molto positivi. La versione beta di questo strumento realizzata per le inserzioni ha diminuito il costo per visualizzazione di alcune campagne del 20% e ha incrementato le inserzioni del 40%.

Un’ulteriore prova che gli elementi interattivi funzionano!

3. Crea un filtro brandizzato

Se non hai familiarità con i filtri AR, le due sillabe stanno per Augmented Reality. Questi filtri aggiungono sfondi e maschere al mondo che ti circonda. Per esempio, hai mai visto il filtro che aggiunge il naso e le orecchie da cane sul viso? Ecco, quello è un filtro AR.

Ora è possibile farlo anche per i brand.

Potresti impiegarci un po’ di tempo e potrebbe essere un lavoro faticoso, ma il team di Facebook e Instagram ti fornirà gli strumenti di cui hai bisogno. Se vuoi cominciare, ma non sai da dove partire ecco una risorsa che potrebbe aiutarti: Spark AR Studio.

Non vediamo l’ora di vedere cosa sarai in grado di costruire! Ovviamente non è per tutti, ma per quei brand strutturati che hanno le risorse per farlo.

Ci sono già alcuni intrepidi che cercano di sfruttare le caratteristiche di questi filtri AR. The Later blog ha raccolto i migliori, tra cui:

  • Kylie Cosmetics ha fatto un filtro per provare le diverse sfumature dei suoi lipstick;
  • Adidas ne ha fatto uno che rende lo schermo granuloso, una sorta di filmato in videocassetta per promuovere la sua linea di sneakers vintage;
  • Gucci Beauty qualche tempo fa aveva creato filtri con parrucche d’epoca, ispirate alla sua ultima collezione.

4. Aggiungi l’alt text alle tue foto su Instagram

L’alt text è un metadato che aiuta il computer a riconoscere che cosa è contenuto all’interno dell’immagine. Potrebbe sembrare una caratteristica da poco, ma credeteci ha un enorme impatto. È particolarmente utile per l’accessibilità: comunica al lettore dello schermo cosa vede nell’immagine.

Quando posti un’immagine, devi selezionare ‘Impostazioni avanzate’ che trovi sotto, scritto in piccolo. Scegli ‘Scrivi Alt Text’ nell’immagine. Puoi anche aggiungere una didascalia ai video.

Per il momento le impostazioni native di Instagram funzionano alla grande. Aggiungere il testo alternativo è un passo importante per i marketer che riescono ad inserire le loro inserzioni nel flusso di Internet. È vitale per l’accessibilità e questo potrebbe un giorno giocare un ruolo importante nel posizionamento dei contenuti di Instagram tramite la ricerca.

LEGGI ANCHE: Come inserire il testo alternativo nei post di Instagram e rendere più accessibile il nostro feed

8 cose divertenti che non hai ancora pensato di fare nelle Instagram Stories

5. Considera la lista degli amici più stretti

Questa lista potrebbe essere passata inosservata agli occhi di molti marketer. Le liste sono uno strumento utilissimo per gli utenti quotidiani di Instagram.
Ma per brand e attività commerciali?

Ad esempio, le liste possono essere usate per condividere e comunicare con un gruppo di consumatori o una speciale comunità di utenti.

  • Se hai un contenuto specifico che vuoi condividere con pochi adepti, potresti considerare l’utilizzo di una lista per mantenerlo privato, ma facilmente visibile da chi sai che potrebbe essere più interessato.
  • Se hai un negozio fisico, puoi aggiungere una lista di consumatori locali per portarli a conoscenza di sconti e promozioni in negozio.

La lista ‘amici più stretti’ è disponibile per tutti i contenuti delle Stories di Instagram. Puoi creare una lista e aggiungere o rimuovere le persone in ogni momento. Non verranno inviate notifiche per l’aggiunta o la rimozione da essa.

8 cose divertenti che non hai ancora pensato di fare nelle Instagram Stories

6. Esplora Branded Content e Influencer Marketing

I brand e le aziende possono far postare dai propri infleuncer, i contenuti con i propri prodotti e usarli come parte del piano di marketing.

Così vedrete Instagrammer parlare degli ultimi prodotti di beauty o make up. Il brand potrà prendere il post e farne una campagna sponsorizzata, investendoci del denaro darà maggior visibilità al contenuto e raggiungerà un’audience più ampia. Ci sono solo due passaggi da tenere in considerazione:

  • i creator possono promuovere il post dalle impostazioni avanzate dall’account;
  • le aziende e i brand vedono il post nella loro Ads Manager e possono creare campagne con il post come inserzione sia nel feed sia nelle Stories.

La strategia di utilizzare influencer su Instagram sta diventando sempre più forte. Instagram riporta che il 60% delle persone afferma di andare su Instagram per vedere cosa dicono i creator.

Grazie alle inserzioni con contenuti brandizzati, le aziende hanno l’opportunità di raccontare le storie del brand attraverso la voce dei creator, raggiungere un nuovo pubblico e misurare l’impatto.

LEGGI ANCHE: Su Instagram ora le aziende possono sponsorizzare i contenuti brandizzati.

7. Nascondi gli hashtag nel feed e nelle Stories

Gli hashtag sono un modo di categorizzazione dei contenuti su Instagram e su altri social  media: è sicuramente il fattore chiave perché i nuovi contenuti vengano trovati. Devi quindi usare gli hashtag.

Ma potrebbe anche essere il caso che tu abbia bisogno di mantenere pulita la tua caption. Questo è il momento in cui entra in scena il trucco del “primo commento”.

Se passi tanto tempo su Instagram, lo avrai probabilmente notato: invece di postare gli hashtag nella didascalia stessa, alcuni instagrammer mettono il loro blocchetto nel primo commento.

In questo modo, avrai caption più pulite che veicolano il tuo messaggio. In ogni caso il tuo post verrà categorizzato a seconda degli hashtag che userai nel primo commento.

Allo stesso modo dei post nel feed, anche gli hashtag delle Stories aiuteranno il tuo contenuto ad essere trovato. Puoi aggiungerli usando gli adesivi che sono a disposzione.

A molti creator e brand piace mantenere una certa estetica nei contenuti delle loro Stories. A volte gli hashtag non sono in linea con il mood che vogliono dare.

In questi casi le persone nascondono gli hashtag dietro adesivi, gif o altri elementi colorati. Fondamentalmente, se vuoi cominciare con gli hashtag, puoi davvero posizionarli ovunque e poi coprirli in modo tale che non siano nemmeno visibili.

In questo modo, avrai ilo potere degli hashtag anche nelle Stories e non dovrai sacrificare la tua estetica.

8. Apri una chat con i tuoi utenti

Abbiamo parlato del countdown, dei sondaggi e degli hashtag. Ci sono anche adesivi per lanciare quiz, per aggiungere musica e relativo testo nelle Stories, così come orari e condizioni climatiche.

Da pochissimo è arrivato anche lo sticker chat che permette di avviare conversazioni con gli amici direttamente dalla propria Storia. Basta cliccarci su e il gioco è fatto! 

8 cose divertenti che non hai ancora pensato di fare nelle Instagram Stories

Un nuovo modo per interagire con i propri follower. Ad esempio potremmo creare la chat per la partecipazione ad un evento oppure per chiedere opinioni circa un prodotto in uscita. Uno strumento da implementare per coinvolgere il proprio pubblico e di conseguenza i propri clienti.

L’adesivo chat va inserito come tutte le altre funzionalità, nelle Stories dell’autore. Si crea un elenco di contatti che hanno fatto richiesta di partecipare alla chat, in attesa che venga avviata una conversazione di gruppo tra il creatore della Storia e coloro che decideranno di aggiungersi tramite tap sullo sticker. Spetta però all’autore scegliere chi inserire nella chat privata selezionando i prescelti tra tutti coloro che hanno fatto richiesta (per ora fino a 32 persone) e sempre l’autore potrà decidere in qualsiasi momento quando interrompere la chat.





https://www.ninjamarketing.it/feed/

Chiama per info ed acquisti