A Chicago nasce un hub culturale innovativo targato Nike per parlare di design e sostenibilità


Virgil Abloh è considerato il Re Mida dei designer, tutto ciò che tocca diventa qualcosa di sensazionale e di unico. Ogni suo progetto viene considerato come qualcosa di rivoluzionario e mai visto prima. Attualmente direttore artistico della collezione uomo di Louis Vuitton, durante la sua carriera ha potuto collaborare con brand e personaggi tutt’altro che banali. Le collaborazioni più interessanti sono state quelle instaurate tramite il suo celebre brand che si pone a metà tra streetwear e luxury: Off White. Tra queste collaborazioni indubbiamente c’è quella con Nike, attraverso cui Abloh tra le altre cose ha potuto riprogettare alcune tra le più iconiche sneaker del brand di sportswear dando vita a memorabili creazioni limited edition.

Nike e il celebre designer hanno recentemente unito un’altra volta le forze per un nuovo iconico progetto: il NikeLab Chicago Re-Creation Center. Si tratta di un hub culturale che vivrà di creatività, destinato ai giovani. Chi lo visiterà potrà partecipare a workshop e iniziative di volontariato, accedere a prodotti esclusivi e numerose altre attività. Considerato come un passo verso il futuro del retail, il centro vuole coinvolgere sia fisicamente che culturalmente l’energia della città di Chicago, rinnovandola e dandole nuova vita.

LEGGI ANCHE: Cosa ci ha detto la modella curvy Elisa D’Ospina sui manichini oversize di Nike

NikeLab Re-Creation Center Chicago Virgil Abloh

Una location unica dove si “vive” di creatività

Il re-creation center ha aperto i battenti lo scorso 31 maggio e sarà attivo e visitabile fino al 28 luglio 2019. Offrirà l’accesso ai membri NikePlus ad esperienze esclusive, i quali non dovranno fare altro che connettersi tramite l’app SNKRS.

Virgil Abloh si è occupato personalmente della progettazione degli interni del centro, lavorando fianco a fianco con Nike. Ricerca e riutilizzo dei materiali e forme innovative caratterizzano gli arredi e gli ambienti della struttura, che è stata riempita con diversi oggetti e riferimenti molto cari ad Abloh e alla sua carriera nel fashion design (un esempio? i libri dedicati a Michael Jordan. Il designer, con origini ghanesi ma nato e cresciuto in Illinois, è molto affezionato alla città di Chicago e al personaggio sportivo che l’ha più rappresentata. Ha anche riprogettato alcune tra le sneaker più iconiche della Jordan, come le Air Jordan I).

Si è dedicato in prima persona anche alla scelta degli artisti e delle personalità che saranno protagonisti dei vari workshop che si terranno nel centro. Tra questi, si possono citare Chuck Anderson, fondatore dello studio creativo NoPattern, il fotografo Paul Octavious, l’artista multidisciplinare Alyx Harch, gli architetti Thomas Kelley e Carrie Norman dello studio Norman KelleyAnn Lui Craig Reschke di Future Firm.

Interverranno su tematiche legate alla brand identity, alla creazione e all’impiego di nuovi materiali, al graphic design, alla fotografia e a molte altre influenze culturali.

NikeLab Re-Creation Center Chicago Virgil Abloh

Dentro il re-creation center anche un’iniziativa eco-friendly

Spazio anche per la sostenibilità nel nuovo hub culturale di Chicago: l’iniziativa di Nike “Reuse-a-Shoe“, infatti, consiste in un’installazione in grado di recuperare scarpe Nike e riciclarle per trasformarle in Nike Grind, scarti e rifiuti in piccoli granuli che vengono normalmente impiegati per la produzione di diversi tipi di superfici. Queste si possono notare all’interno del centro, sia sui pavimenti che sui diversi sgabelli. Inoltre, i materiali che caratterizzano Nike Grind verranno utilizzati anche per la costruzione di un campo da pallacanestro dedicato a comunità locali e progettato interamente da Virgil Abloh, che verrà presentato in occasione dell’NBA All Star Weekend 2020.

LEGGI ANCHE: Largo ai giovani designer: un recap dal Salone Satellite 2019 all’insegna della sostenibilità

NikeLab Re-Creation Center Chicago Virgil Abloh

Un progetto che non è solo molto caro ad Abloh, quello del NikeLab Chicago Re-Creation Center, ma che risulta essere anche una vera e propria opportunità per Chicago, in grado di modellare e influenzare tutto il contesto della città per cui è stato creato.

L’essenza del centro è quello della collaborazione, della condivisione di sapere e dell’innovazione. Una delle parole chiave, infatti, è diversità: “credo che far stare insieme persone dal background e competenze differenti in termini di design porterà a nuovi passi avanti. È quello su cui si basa la mia attività, ed è quello che ho provato a incentivare, anche in progetti come questo” ha dichiarato Abloh in un’intervista con designboom.

LEGGI ANCHE: Top Italian Green Influencer premia i 10 profili più impegnati nella sostenibilità

Il designer americano ha cercato di far avvicinare i giovani al mondo del design cercando di creare in loro maggiore consapevolezza e dando la possibilità di condividere e imparare nuove competenze e raggiungere nuovi orizzonti. Al re-creation center il design è un linguaggio comune, non solo tra designer ma per tutto il pubblico: “una volta che il pubblico capisce che cosa significa un ‘buon design’, allora tutte queste persone possono comprendere che cos’è davvero il design nello stesso modo in cui può farlo un designer”.

Ecco quindi che un giovane di Chicago avrà l’occasione di imparare da alcune tra le migliori guide in ambito di progettazione, lasciandosi guidare dalla passione e dal desiderio di migliorare. D’altronde, è proprio l’incessante curiosità verso tutte le sfaccettature del mondo del design che ha fatto diventare Virgil Abloh quello che è oggi.

Proprio al designer direttore artistico del menswear di Louis Vuitton è dedicata, inoltre, la mostra “Virgil Abloh: ‘Figures of Speech’”. In scena presso il Museo di Arte Contemporanea di Chicago fino al 22 settembre 2019, presenterà tutta la carriera del designer, confermando un mese di giugno davvero movimentato per la città dell’Illinois, Virgil Abloh e anche Nike, che ha appena concluso una collaborazione con quattro innovative stiliste (Yoon Ahn, Christelle Kocher, Erin Magee e Marine Serre) per la creazione di una serie di magliette da calcio per la Coppa del Mondo femminile che si sta svolgendo in Francia.





https://www.ninjamarketing.it/feed/

Chiama per info ed acquisti