Anche i ricordi più importanti sbiadiscono col tempo. Proprio come le vecchie foto


BOSTON – Accade esattamente come per le vecchie fotografie. La qualità dei ricordi sbiadisce, si dissolve col tempo. La scoperta arriva da un gruppo di ricercatori del Boston College in uno studio pubblicato sulla rivista Psychological Science. I ricercatori si aspettavano che i ricordi diventassero meno precisi, ma hanno anche riscontrato un calo della vivacità e della qualità visiva dei loro ricordi. Quando le persone ricordano il passato, lo fanno con vari gradi di chiarezza. Alcune volte sembra che il ricordo sia sbiadito e che i dettagli siano confusi. Studi precedenti hanno dimostrato che eventi emotivamente significativi, come ad esempio un incidente automobilistico, vengono ricordati in modo più vivido rispetto agli eventi quotidiani.

“Volevamo sapere se questa sensazione di memoria vivida è legata non solo a quello che viene ricordato, ma anche a come viene ricordato, ovvero alla qualità visiva della memoria”, dice Maureen Ritchey, autore dello studio. I ricercatori si sono chiesti come cambiano le caratteristiche visive dei ricordi, man mano che vengono archiviati nella memoria o cancellati. Secondo Ritchey, le persone modificano i ricordi in modo simile a come cambiano le foto quando si usano i filtri.

“Una semplice analogia è quello che accade a quando pubblichi una foto su Instagram”, dice Ritchey. “Ti viene chiesto di applicare un filtro che modifichi la luminosità o la saturazione del colore dell’immagine. Nel nostro studio, ci siamo chiesti – continua – se dimenticare è come applicare un filtro all’esperienza passata e se il significato emotivo dell’evento cambierà o meno filtro applicato”. In tre esperimenti, un gruppo di partecipanti hanno studiato immagini emotivamente negative e neutre che variavano in termini di qualità visiva,luminosità e saturazione del colore. In un test successivo hanno ricostruito le qualità visive di ciascuna immagine.

Ebbene, i risultati hanno rivelato che i ricordi vengono evocati in modo visivamente meno vibrante di quanto non fossero codificati, dimostrando un nuovo effetto di sbiadimento della memoria. I soggetti che hanno sperimentato emozioni negative durante la visualizzazione delle immagini avevano più probabilità di ricordare le immagini in modo accurati, ma le emozioni non sembrano aver influenzato lo sbiadimento della memoria. Inoltre, la valutazione soggettiva della chiarezza della memoria era più bassa per i ricordi meno precisi e per i ricordi che erano visivamente sbiaditi.

Questi risultati forniscono la prova che la vivacità dei dettagli, come i colori e le forme associate a un evento, svanisce nella memoria mentre viene mantenuta l’essenza dell’esperienza. Le persone possono ricordare di andare a un festival musicale e guardare la loro band preferita, ma l’intensità di quell’esperienza sensoriale, comprese le luci del palcoscenico e la forza del basso, svanirà lentamente. “Abbiamo scoperto che i ricordi sembrano letteralmente svanire: la gente ha sempre ricordato le scene visive come meno vivaci di quanto non fossero originariamente vissute”, ha detto Cooper. “Ci aspettavamo che i ricordi sarebbero diventati meno precisi dopo un ritardo, ma non ci aspettavamo che ci sarebbe stato questo cambiamento qualitativo nel modo in cui sono stati ricordati”, dice Rose Cooper, altra autrice dello studio. L’effetto sbiadimento si è verificato meno per i ricordi che sono stati giudicati soggettivamente più forti.
 


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica



Source link

Chiama per info ed acquisti