Che cos’è, come si usa e perché dovresti interessarti subito a TikTok


Video brevi ed autentici, ecco cos’è TikTok. Oppure, come lo descrive The Verge, è “la cosa più vicina a Vine che esista”, l’ex app di condivisione video di proprietà di Twitter. Secondo TechCrunch, invece, è “l’Instagram per l’era dei mobile video”.

Indipendentemente dalle parole che vengono usate, l’app sta conquistando il mondo digitale e i marketer stanno silenziosamente prendendo nota delle sue caratteristiche e iniziando a icluedral nelle proprie strategie.

tiktok

Breve storia di TikTok

Da quando l’app è stata lanciata nel 2016, la base di utenti è cresciuta fino a comprendere oltre 500 milioni di persone. Inoltre, ha appena superato il limite di un miliardo di download. Non mostra alcun segno di rallentamento, con ben 75 milioni di iscrizioni (dato dicembre 2018) e con un aumento del 275% rispetto all’anno precedente.

Queste, però, non sono le uniche cifre importanti da segnalare. L’app, che è particolarmente popolare tra gli utenti della Generazione Z (ovvero nati tra il 1997 e il 2010) ha già suscitato polemiche. All’inizio del 2019 si è infatti  trovata in acque burrascose per violazioni della legge sulla privacy dei minori. In risposta, TikTok ha aumentato le misure di sicurezza e lanciato campagne di online security, collaborando di recente con Internet Matters.

Ma TikTok è un grande affare come sembra? È adatto al tuo brand? Proviamo a dare delle risposte.

tiktok cos'è

Cos’è TikTok?

TikTok si autodefinisce come “destinazione per video mobile in forma abbreviata”, ma ovviamente si tratta di una piattaforma social, con tutto ciò che essa comporta.

I creator possono condividere video verticali in loop, di lunghezza compresa tra 15 e 60 secondi. Un ampio toolkit di editing, con una matrice o filtri ed effetti, e un’enorme libreria musicale, consente agli utenti di sintonizzare e personalizzare il loro contenuto con effetti smart e simpatici.

Nel 2017, la società madre di TikTok, Bytedance, ha acquistato Musical.ly per 800 milioni di dollari. Bytedance aveva già lanciato Douyin, il precursore di TikTok, in Cina. Dopo aver acquisito Musical.ly, le due piattaforme si sono fuse e hanno lanciato TikTok. In Cina, comunque, l’app ha ancora il suo nome originale, Douyin.

Statistiche chiave:

  • Nel febbraio 2019, TikTok ha superato il miliardo di installazioni da App Store e Google Play. Più della metà di queste installazioni è avvenuta nel 2018.
  • Valutata 75 miliardi di dollari, la società madre di TikTok Bytedance ha superato Uber fino a diventare la start-up più “preziosa” al mondo.
  • Fino al novembre del 2018, l’app TikTok è stata scaricata quasi 80 milioni di volte negli Stati Uniti e ha realizzato circa 3,5 milioni di dollari da acquisti in-app.

LEGGI ANCHE: TikTok è il social del momento per i teenager, con numeri in crescita e già qualche rogna legale

Come funziona TikTok?

Dall’algoritmo alle sfide di duetti e agli hashtag, ci sono molti aspetti della piattaforma che vale la pena conoscere.

  1. Video: video e presentazioni possono essere caricati o creati in-app, aggiungendo timer e altri effetti.
  2. Musica: l’ampia libreria musicale di TikTok e l’integrazione con Apple Music la fa emergere rispetto tutte le altre piattaforme social. I creator possono aggiungere, remixare, salvare e scoprire canzoni e suoni tramite playlist, video e altro. Secondo Genius, TikTok gioca un ruolo importante nell’aiutare le tracce e gli artisti a scalare le classifiche  musicali.
  3. Montaggio video: durante la creazione del post, gli utenti possono applicare filtri visivi, effetti sul timing, schermi divisi, transizioni, adesivi, GIF, emoji e altri effetti.
  4. Interazione: gli utenti di TikTok possono seguire gli account che preferiscono e dare loro sostegno con “cuori”, commenti o condivisioni sui video che apprezzano maggiormente. Video, hashtag, suoni ed effetti possono essere aggiunti alla sezione Preferiti di un utente.
  5. Moneta  virtuale: TikTok offre acquisti di monete in-app, che gli utenti possono acquistare e devolvere ai creator. I prezzi per le monete partono da 1,39 dollari per 100 e salgono a 139,00 dollari per 10.000.
  6. Diretta streaming: alcuni creator hanno la possibilità di fare livestream su TikTok.
  7. Profili: oltre ai follower e agli account che seguono, i profili utente di TikTok mostrano il conteggio dei “like” sul contenuto dell’utente. Come su Twitter e Instagram, agli account ufficiali vengono assegnati dei segni di spunta blu. I creator popolari invece, sono contrassegnati con segni di spunta arancioni.

LEGGI ANCHE: 7 domande da fare su Instagram per aumentare l’engagement

tiktok reactions

Quali sono i plus di TikTok?

TikTok è tanti modi di essere, proprio come noi: a volte esilarante e ironico, altre sconcertante o commovente. Gli utenti hanno già trovato molti modi per esprimere tutta la loro creatività sull’app.

Le sfide (“challenges”): in genere richiedono agli utenti di esprimersi attorno ad un tema definito (una canzone popolare o un hashtag come #LiteralLyrics o #AirplaneChallenge) per creare il proprio video. Le sfide possono diventare virali velocemente, specialmente in virtù del fatto che TikTok include spesso l’hashtag nella pagina di ricerca.

Il conduttore di Late Night Jimmy Fallon ha contribuito ad aumentare la visibilità principale dell’app quando ha lanciato la sua sfida per hashtag, #TumbleweedChallenge, nel suo show.

I Duetti: sono una funzionalità di collaborazione molto popolare, che consente agli utenti di prendere il video di un’altra persona e aggiungere il proprio. Questi video di solito riproducono un formato call-and-response, con spazio per il partner integrato.

Cringe video: le compilation Cringe possono essere difficili da comprendere per la generazione pre-YouTube. In sostanza, questi video mirano letteralmente a “dare i brividi” al pubblico, con prestazioni dolorosamente imbarazzanti, eppure, presumibilmente sincere. I video cringe vengono spesso inclusi in sfide e duetti.

Reaction video: sotto l’opzione di condivisione di un video, gli utenti possono scegliere di pubblicare una reazione. Un utente può registrare la propria reazione mentre il video viene riprodotto, quindi posizionare la propria reazione nel punto esatto in cui desidera affiancarlo all’originale. Suona complicato? Più facile farlo che spiegarlo.

Come funziona l’algoritmo

Come la maggior parte delle piattaforme di social media, TikTok riguarda esclusivamente i contenuti generati dagli utenti. Ma a differenza di Facebook, Instagram, Twitter e altri social network, TikTok ruota meno attorno alle persone che già segui e più invece alla scopertaricerca di nuovi contenuti.

Alimentato dal suo algoritmo, il feed TikTok For You mostra i contenuti degli utenti che suppone tu voglia guardare e apporta modifiche in base al tuo comportamento nel tempo. Come ha scritto l’editorialista del New York Times John Herrman, “immagina una versione di Facebook che sia in grado di riempire il tuo feed prima che tu sia amico anche solo di una persona. Questo è TikTok”.

LEGGI ANCHE: Costruire un piano di marketing per Facebook: l’ABC per chi non sa da dove iniziare

Dati demografici di TikTok

Ecco quello che sappiamo finora.

Età: Tik Tok è particolarmente popolare tra gli adolescenti, un dato demografico comunemente indicato come Generation Z. Secondo il Global Web Index, il 41% degli utenti di TikTok ha tra i 16 ei 24 anni.

A Douyin, in Cina, il 75% degli utenti ha tra i 18 ei 35 anni. Non sorprende che questo segmento sia anche il più attivo sull’app.

Geolocalizzazione: TikTok, sotto l’alias Douyin, è ovviamente popolare sul suo territorio natio in Cina dove ha 500 milioni di utenti attivi mensilmente. Mentre la Cina potrebbe essere la più grande base utenti, TikTok è disponibile in 154 paesi in tutto il mondo, con il 40% dei suoi utenti situati al di fuori della Cina.

L’India ha una base utenti particolarmente ampia e rappresenta circa il 25% dei download dell’ app. In Thailandia, un utente su sette l’ha scaricata. E in Giappone, TikTok aveva circa 9,5 milioni di utenti attivi mensilmente nell’ultimo trimestre del 2018, con una media di sei sessioni al giorno. Negli Stati Uniti, invece, i download sono più di 96 milioni.

Genere: in un’intervista con Glossy , Jenny Lang, managing partner di Integrated Investment presso UM Worldwide, ha messo in luce che TikTok ha un pubblico femminile attivamente coinvolto. In generale, nell’ambito della fascia di età compresa tra i 16 ei 24 anni,  l’app ha una copertura del 60%. In Cina, il rapporto uomo-donna su Douyin è di circa 4: 6 .

Perché i brand dovrebbero prestare attenzione a TikTok

Se la Generazione Z è inclusa nel tuo target demografico e il tuo marchio non è su TikTok, dovresti prendere in considerazione di sbarcare finalmente su questo social perfetto per i teenager.

Ma anche se il tuo marchio si rivolge a una fascia di età diversa, gli adolescenti tendono naturalmente ad essere talent scout delle novità e a scoprire “ciò che è bello prima che lo sia davvero”.

Advertising e formati pubblicitari su TikTok

L’elenco dei marchi su TikTok include già Nike, Fenty Beauty e Apple Music. Mentre TikTok deve ancora svelare le opzioni degli inserzionisti in Nord America, è stato apparentemente testato con annunci in-app fin dal gennaio 2019. Sono già stati segnalati alcuni avvistamenti di annunci pubblicitari, tra cui una promozione di Disney Kingdom Hearts.

Sfide di brand hashtag

Guess è stato il primo rivenditore di moda ad entrare nella mischia a settembre 2018, in collaborazione con TikTok per creare il primo rilevamento di contenuti di marca negli Stati Uniti. La sfida dell’hashtag #InMyDenim ha attirato i creatori di rilievo per dimostrare come Guess potesse trasformare gli outfit da mediocri a vincenti ed è stato in grado di creare più di 37 milioni di visualizzazioni.

La campagna “My Calvin” di Calvin Klein avrebbe guadagnato dieci volte l’engagement avuto su un’iniziativa simile promossa nel 2015 con Justin Bieber, riferisce Glossy .

Influencer marketing su TikTok

Alcuni marchi, come Universal Pictures, si sono dilettati nelle campagne di influencer marketing su TikTok. Per promuovere la premiére del suo film, The House with a Clock in the Walls, lo studio ha coinvolto creator famosi per condividere contenuti di marca.

Si dice che Douyin stia firmando contratti con influencer in Cina, alcuni dei quali guadagnano più di 13.000 euro a post. Poiché l’app non tiene traccia delle date di creazione degli account e di registrazione dei video, però, i bot e i fake influencer sono difficili da individuare.

LEGGI ANCHE: Per fare Influencer Marketing in Cina devi conoscere Xiaohongshu, il social su cui ora c’è anche Kim Kardashian

Adesivi di marca

Giusto in tempo per il Super Bowl, TikTok ha rilasciato gli adesivi NFL Player AR, un prodotto paragonabile agli adesivi e ai filtri firmati Snapchat.

Specializzarsi in short highlights significa che c’è molto spazio per i marchi sportivi, come evidenziato dal feed della Red Bull. Anche la squadra di calcio professionistica dell’Inter è entrata su TikTok nel dicembre 2018 con l’obiettivo di entrare in contatto con un pubblico giovane e giovanissimo.





https://www.ninjamarketing.it/feed/

Chiama per info ed acquisti