Il Congresso Americano vuole fermare la moneta di Facebook per indagare sulle possibili ricadute


Poche ore dopo che Facebook ha annunciato i suoi piani per Libra, un parlamentare democratico ha chiesto all’azienda di sospendere i piani di sviluppo del token fino a quando il Congresso e le autorità di regolamentazione non avranno avuto la possibilità di indagare su eventuali rischi e ricadute.

LEGGI ANCHE: Facebook annuncia Libra e sale il valore di Bitcoin: cosa accadrà ora alle altre criptovalute?

Cosa hanno detto

Con l’annuncio che intende creare una criptovaluta, Facebook continua la sua espansione incontrollata e estende la sua portata alla vita dei suoi utenti“, ha detto in una nota la Presidente della Commissione dei Servizi Finanziari della Camera, Maxine Waters (D-CA). “Dato il passato turbolento della compagnia, sto chiedendo che Facebook accetti una moratoria su qualsiasi sviluppo di una criptovaluta fino a quando il Congresso e le autorità di regolamentazione non avranno l’opportunità di esaminare questi problemi e agire“.

Sappiamo che ci sono molte domande aperte sulla portata e l’ampiezza del progetto e su come si conformerà al nostro quadro normativo finanziario globale“, ha scritto Patrick McHenry, “è nostro dovere che i responsabili delle politiche comprendano il Progetto Libra. Dobbiamo andare oltre le voci e le speculazioni e fornire un forum per valutare questo progetto e il suo potenziale impatto senza precedenti sul sistema finanziario globale“.

Non è chiaro quando si verificherà una tale audizione, sebbene Waters abbia affermato che sia necessario.

LEGGI ANCHE: 8 cose che dovresti sapere su Libra, la nuova moneta in arrivo da Facebook

Più di un anno fa, l’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg sedeva davanti al Congresso per la prima e unica volta a discutere le conseguenze delle scandali di Cambridge Analytica.

LEGGI ANCHE: Mark Zuckerberg va a Bruxelles a spiegare cosa è successo con Cambridge Analytica

Il senatore Sherrod Brown ha invece dichiarato che chiamerà i migliori “cani da guardia” del governo per valutare gli sforzi della cripto e della blockchain.

Facebook è già troppo grande e troppo potente, e ha usato quel potere per sfruttare i dati degli utenti senza proteggere la loro privacy“, ha detto Brown. “Non possiamo consentire a Facebook di gestire una nuova criptovaluta rischiosa da un conto bancario svizzero senza sorveglianza. Sto chiedendo ai nostri watchdog finanziari di esaminarlo attentamente per garantire che gli utenti siano protetti“.

Facebook non si ferma

Un portavoce di Facebook ha risposto alle richieste in una dichiarazione a The Verge dicendo: “Non vediamo l’ora di rispondere alle domande dei legislatori mentre questo processo avanza“.





https://www.ninjamarketing.it/feed/

Chiama per info ed acquisti