Il round da 15 milioni di Freeda, il brand media delle donne. Dentro anche Endeavor Catalyst


Freeda Media ha chiuso una raccolta di capitali da 15 milioni di euro. La media company con questa operazione punta a lanciare il brand Freeda nel Regno Unito e in altri mercati strategici di matrice anglosassone, per continuare la missione di diventare la voce più rilevante per un’intera generazione di donne a livello globale. Il round di finanziamento è guidato da Alven, fondo francese di venture capital, che prosegue l’impegno a supporto della società dopo il round da 8 milioni chiuso nel maggio 2018. Il round di finanziamento è stato guidato dal fondo francese Alven, già principale investitore dell’azienda, che prosegue l’impegno a supporto della società dopo il round da 8 milioni chiuso nel maggio 2018. Hanno poi partecipato U-Start e Unicredit, che ha sottoscritto un prestito obbligazionario da 2,5 milioni di euro, family office e investitori privati di rilievo internazionale. A questi si aggiunge Endeavor Catalyst. Dal lancio a settembre 2016, Freeda ha raccolto più di 28 milioni di euro di capitali.

freeda

Che fa  Freeda

A oggi Freeda (fondata a settembre 2016 da Andrea Scotti Calderini e Gianluigi Casole e opera con 160 persone tra Milano, Madrid e Londra) è il brand media che si rivolge alle donne tra i più rilevanti in Italia, Spagna e Sud America, grazie a oltre 5 milioni di follower su Facebook, Instagram, YouTube e LinkedIn. In aggiunta, continuerà l’espansione della strategia distributiva con il lancio di nuove piattaforme. Nel 2019 gli account Instagram di Freeda hanno generato più di 100 milioni di interazioni, posizionandosi al primo posto tra i media brand che si rivolgono alle donne per interazioni complessive sulla piattaforma a livello globale.

A proposito di Endeavor Catalyst

Per quanto riguarda Endeavor Catalyst, il fondo nasce grazie all’esperienza costruita da Endeavor Global, l’organizzazione non-profit che seleziona imprenditori ad alto potenziale e che nel luglio 2018 ha accolto nel network di Endeavor italia Gianluigi Casole e Andrea Scotti Calderini. Endeavor Catalyst può investire fino al 10% del round complessivo, con un investimento massimo di 2 milioni di dollari, alle stesse condizioni dei lead investors se sono rispettate le seguenti condizioni: che il round sia guidato da un lead investor qualificato, che sia da almeno 5 milioni di dollari e che l’imprenditore faccia parte del network di Endeavor.

10 investimenti in 30 Paesi

Nato nel 2012, Endeavor Catalyst ha fino ad ora concluso con successo più di 110 investimenti in oltre 30 Paesi il 76% del capitale è stato investito in società di Retail & Consumer Tech, Fintech e Enterprise Software & Services. In Italia, con Freeda Media, Endeavor Catalyst è al suo sesto investimento dopo quelli di Talent Garden, Empatica, Supermercato24, Moneyfarm e Satispay.

Libertà, autenticità, auto-determinazione

“Lavoriamo giorno dopo giorno con gli imprenditori italiani per far crescere l’attrattività delle imprese nei confronti dei grandi investitori – ha spiegato Raffaele Mauro, Managing Director di Endeavor Italia – siamo quindi molto orgogliosi del team di talenti creativi guidato da Gianluigi Casole e Andrea Scotti Calderini, che sta dimostrando grande capacità ed intraprendenza nel posizionarsi in un mercato competitivo come quello dei social media, re-inventando la comunicazione per il target femminile e proponendo contenuti originali di alto livello. Freeda Media – ha detto ancora Mauro – ha saputo cogliere le potenzialità della tecnologia e della comunicazione istantanea dei social, senza dimenticare valori importanti come quelli della libertà, dell’autenticità e dell’auto-determinazione. Senza dubbio Freeda Media saprà continuare il percorso di crescita così ben avviato per diventare una voce sempre più rilevante a livello globale”.





https://www.ninjamarketing.it/feed/

Chiama per info ed acquisti