Il round da 8 milioni di Sweetguest, la startup per chi affitta su Airbnb


Nuovo aumento di capitale per Sweetguest: la startup che ottimizza la visibilità e prenotazioni per chi affitta su Airbnb, ha chiuso un round da 8 milioni di euro. A questo round, che si aggiunge al primo da 1 milione di euro di fine 2016 e al secondo di 1,5 milioni del 2018, hanno partecipato: Indaco Ventures I, fondo lanciato lo scorso maggio da Indaco Venture Partners, il fondo Italia Venture I (fondo di venture capital dotato di 87 milioni di euro e dedicato a investimenti in startup e PMI innovative, gestito da Invitalia Ventures), e un gruppo di investitori composto da operatori professionali e business angel italiani.

Affitti a breve e medio termine. “Siamo orgogliosi – ha dichiarato Rocco Lomazzi, CEO e founder di Sweetguest – di questo aumento di capitale così importante, che testimonia la fiducia che gli investitori hanno nel nostro progetto, nei risultati ottenuti sino a questo momento e nel nostro piano di sviluppo. Grazie al loro supporto siamo certi di poter proseguire una crescita che ci vedrà impegnati nel potenziare la struttura aziendale e continuare a innovare per offrire il miglior servizio sul mercato, tramite una gestione a tutto tondo degli affitti a breve e medio termine”.

Sweetguest

Edoardo Grattirola e Rocco Lomazzi, fouder Sweetguest

L’immobiliare del futuro

Per Sergio Buonanno, AD di Invitalia Ventures “in tutto il mondo il settore cosiddetto del property technology o “prop-tech” è in forte crescita e l’Italia rappresenta uno dei principali mercati per il prop-tech turistico. Da qualche anno il settore ha attratto l’interesse dei venture capitalist, anche in Italia, dove tuttavia il panorama delle startup del settore resta ancora immaturo e frammentato. Sweetguest è la prima startup italiana del settore che ha dimostrato grandi capacità commerciali che le hanno consentito di diventare il primo operatore sul mercato italiano in meno di tre anni”.

Che fa Sweetguest

Nata nel 2016 da un’idea dei due fondatori, Rocco Lomazzi ed Edoardo Grattirola, Sweetguest ha sviluppato un servizio di gestione degli immobili e in particolare ha l’obiettivo di innovare il modo di affittare casa per brevi periodi su Airbnb. L’azienda ottimizza la visibilità e le prenotazioni su Airbnb, affiancando la gestione di servizi operativi necessari per gli affitti: pulizie, servizio lavanderia, shooting fotografico degli spazi, check-in, gestione del rapporto e delle comunicazioni con gli ospiti.

I numeri

Sweetguest opera in 4 sedi, a Milano, Firenze, Roma e Venezia, dichiara 1000 immobili gestiti e 90 mila ospiti accolti tra Milano, Firenze, Roma, Torino, Venezia, il Salento, la Liguria, un team di oltre 40 dipendenti e 50 collaboratorioltre 12 milioni di euro di valore generato per gli immobili gestiti.

Professional Co-Host. Ad aprile 2018 la startup è stata selezionata da Airbnb come primo partner italiano “Professional Co-Host”, titolo riconosciuto alle aziende che hanno ottenuto i migliori risultati nello svolgimento del ruolo di “host” Airbnb per conto dei proprietari di immobili.

 





https://www.ninjamarketing.it/feed/

Chiama per info ed acquisti