l’ABC per chi non sa da dove iniziare


Perché la tua azienda dovrebbe creare un piano di marketing Facebook, prima di iniziare a postare contenuti?

Perché ogni tua attività sui social dovrebbe rispondere a una più ampia strategia. Ogni post, risposta, like o commento dovrebbe essere dettato da un piano preciso, mirato a raggiungere determinati obiettivi.

Facebook è il più grande social network al mondo con oltre 2 miliardi di utenti attivi mensili. Solo negli Stati Uniti e in Canada, sono 183 milioni gli utenti attivi ogni giorno. Per dirlo in prospettiva, sono 80 milioni di persone in più rispetto ai 103 milioni di spettatori che si sono sintonizzati sul Super Bowl in TV nel 2018. In Italia, parliamo di un bacino di utenza di 35,7 milioni di utenti.

La buona notizia è che non hai bisogno di un budget da Super Bowl per entrare attivamente in gioco sui social. La condivisione di contenuti di valore che si connettono con fan e potenziali clienti è ciò su cui devi investire in prima battuta.

Come creare un piano di marketing Facebook in 8 passaggi

 1. Definisci il tuo pubblico

Quanti anni hanno? Dove vivono? Che tipo di professioni svolgono? Quali sono le loro sfide, i loro obiettivi, quali i loro punti deboli?  Come, quando  e perché usano Facebook?

Una volta che sai chi usa la piattaforma e come, puoi dare un’occhiata a  Facebook Audience Insights . Usa questo prezioso strumento per approfondire i dettagli sulle tue buyer personas.  Le informazioni su età, sesso, istruzione, stato della relazione, posizione, lingua, utilizzo di Facebook e anche attività di acquisto passate ti saranno utilissime per produrre contenuti (e annunci) in linea con i desiderata del pubblico.

piano di marketing facebook fb insights

Può essere allettante concentrarsi sulle vanity metrics e gongolare nel raccogliere quanti più like possibile. Ma a meno che quei “Mi piace” non facciano parte di un piano di marketing Facebook più ampio, non offriranno un grande ritorno.

LEGGI ANCHE: Week in Social: dagli avatar su Facebook ai testi per gli adesivi musicali di Instagram

2. Stabilisci obiettivi S.M.A.R.T

Gli obiettivi saranno diversi per ogni azienda, ma dovrebbero concentrarsi su azioni che hanno un impatto reale sui risultati economici, come generare lead, aumentare le conversioni sul sito Web o migliorare il servizio clienti. Queste, però, sono ampie categorie di obiettivi. Dovrai assicurarti che essi siano più specifici e misurabili.

Tutto ciò che fai su Facebook – ogni post, ogni commento, ogni annuncio – ha come fine il raggiungimento di quegli obiettivi. Il modo più semplice per avviare un piano di Social Media Marketing è fissare almeno tre obiettivi.

Cosa significa S.M.A.R.T.?

OBIETTIVI SMART

Caratteristiche fondamentali di un obiettivo (S.M.A.R.T.):

  • Specifico (Specific)
  • Misurabile (Measurable)
  • Raggiungibile (Attainable)
  • Rilevante (Relevant)
  • Con un limite di tempo definito (Time based)

Che il tuo nuovo blog diventi velocemente “The Blonde Salad” non è  un obiettivo SMART. Non è realistico, né basato sul tempo, ad esempio. Usare Instagram per condividere foto che trasmettano la cultura aziendale, in sei mesi, con tre foto a settimana per aumentare la Brand Awareness dell’azienda, lo è.

3. Valuta e pianifica il tuo mix di contenuti

Una parte fondamentale del piano di marketing Facebook è la determinazione del giusto mix di contenuti. Ti consigliamo di iniziare scegliendo uno di questi due percorsi differenti: la regola 80/20 o la regola dei terzi.

Se segui la regola 80-20, utilizzerai l’80% dei post di Facebook per informare, educare e intrattenere e l’altro 20% per promuovere il tuo marchio.

Ricorda che l’uso di Facebook per il business è basato sulla costruzione di relazioni e l’autopromozione non è assolutamente il modo più idoneo per farlo. Ma se fornisci un valore sufficiente, il tuo pubblico sarà aperto a conoscere i tuoi prodotti e servizi in quel 20% di post che sono maggiormente focalizzati sulle vendite.

piano di marketing fb regola 80 20

La regola dei terzi, invece, prescrive un buon mix di contenuti di valore rispetto a post promozionali. Ovvero: un terzo dei tuoi contenuti dovrebbe condividere idee e storie, un terzo dovrebbe stimolare interazioni personali con i tuoi follower e il terzo rimanente può promuovere la tua attività.

piano di marketing fb regola dei terzi

In entrambi i casi, l’obiettivo è fornire più valore del materiale promozionale per mantenere alto l’engagement dei tuoi follower.  Ricorda che l’algoritmo di Facebook penalizzerà sempre i marchi che spingono troppo le vendite a discapito delle interazioni e delle relazioni all’interno delle community. Lo stesso algoritmo “vuole” che i feed delle notizie degli utenti siano pieni di contenuti utili, che gli utenti amano e sono spinti a condividere.

Un altro punto fondamentale di un piano di marketing Facebook è determinare quando e quanto spesso pubblicare. Ciò richiederà alcune prove ed errori da definire per la tua attività specifica (utilizzando i dati di coinvolgimento ottenuti da Page Insights). Poiché è importante pubblicare in modo coerente, crea un calendario editoriale per aiutarti a bilanciare il tuo mix di tipi di contenuti e mantieni traccia della tua pianificazione dei post.

LEGGI ANCHE: Costruire un piano editoriale di una fanpage

 4. Crea una pagina aziendale

Una volta stabilito il pubblico, gli obiettivi e la strategia, è ora di creare una pagina Facebook.

Come dice Facebook, il profilo della tua azienda è “una pietra angolare della tua identità online”. È qui che pubblichi contenuti e interagisci con le persone. Non hai bisogno di milioni di follower per fare un buon lavoro, anzi, specialmente se il tuo business è a livello locale. Non lasciarti tentare dall’acquisto di like: gli utenti non in target non contribuiscono in alcun modo al raggiungimento dei tuoi obiettivi di marketing.

Per iniziare, tieni a mente le seguenti best practice per massimizzare l’efficacia della tua pagina.

  • Scegli un nome di pagina adatto alla ricerca: nella maggior parte dei casi, questo sarà il nome del tuo marchio.
  • Imposta un URL personalizzato o “vanity” per la tua pagina che sia coerente con quello presente sugli altri social network.
  • Compila con criterio la sezione “Informazioni” e il box “Our story”: fornisci informazioni chiave sulla tua attività in modo che gli utenti sappiano come contattarti e abbiamo una visione d’insieme della tua azienda, dei suoi obiettivi e valori.
  • Poiché le immagini di copertina e profilo sono la prima impressione visiva che dai a chi atterra sulla pagina, assicurati che rappresentino accuratamente il tuo marchio e incoraggino i potenziali follower ad avere un motivo per seguirti.
  • Aggiungi un pulsante di invito all’azione. Un modo semplice per entrare in contatto con te o persino iniziare a fare acquisti per i tuoi prodotti.

LEGGI ANCHE: 5 pregiudizi psicologici che influenzano le nostre decisioni (e gli acquisti) anche online

5. Aumenta la fanbase e rispondi alle richieste degli utenti

La tua pagina è attiva e funzionante e hai iniziato a popolarla con contenuti accattivanti utilizzando una varietà di tipi di post. Ora è il momento di aumentare la visibilità per ottenere più follower e stimolare il coinvolgimento.

Per prima cosa, rendi più facile per le persone che interagiscono con la tua azienda trovare la tua pagina e i suoi contenuti. Linka la pagina nella firma email, nella newsletter e in altri canali. Incorpora Facebook Like e condividi i pulsanti sul tuo sito web e blog.

Assicurati sempre che il contenuto che pubblichi su Facebook sia altamente condivisibile. È il modo migliore per espandere la tua copertura organica. Secondo uno studio del Customer Insight e dei gruppi pubblicitari del New York Times, “i professionisti del marketing dovrebbero concentrarsi sulla fornitura di contenuti che migliorano le relazioni tra i consumatori”. In altre parole, creare contenuti di valore e di intrattenimento che i follower saranno felici di condividere con le loro connessioni.

Nel tuo piano di marketing Facebook inserisci il customer care. Se gli utenti che cercano di interagire con il tuo marchio ottengono il silenzio radio, non sei proprio “social”. Se tu per primo non mostri coinvolgimento con le persone, perché i tuoi follower dovrebbero farlo? Gli utenti che sentono cadere nel vuoto le proprie domande ti abbandoneranno per trovare aziende più reattive. Il tuo mantra qui è rispondi, rispondi, rispondi!

Infine, pianifica una verifica mensile del tuo profilo per verificare e rimuovere eventuali contenuti obsoleti. Assicurati che la tua sezione informazioni sia accurata, aggiornata e focalizzata sul brand.

6. Valuta la possibilità di creare un gruppo Facebook

Una volta che hai iniziato a costruire la tua fanbase, potresti prendere in considerazione l’idea di aggiungere un gruppo al tuo piano di marketing Facebook. Pensa ai gruppi come all’equivalente online del frigo dell’ufficio o della macchinetta del caffè. Sono un luogo in cui le persone possono riunirsi e condividere informazioni e idee con utenti affini, che condividono con loro esperienze e interessi.  Sui gruppi ogni mese si ritrovano oltre un miliardo di persone.

fb groups

Creare il tuo gruppo Facebook può essere un modo efficace per riunire i tuoi fan in un unico posto e incoraggiarli a interagire tra loro. Crea una comunità attiva di persone che parlano della tua attività. È un ottimo modo, inoltre,  per raccogliere informazioni sui clienti. Cosa dicono veramente le persone di te? È come un focus group con membri illimitati in cui facilitare la conversazione o porre domande.

LEGGI ANCHE: 7 errori che i brand dovrebbero smettere di fare subito sui social network

 7. Incorpora annunci sponsorizzati

L’algoritmo di Facebook dà la priorità ai contenuti degli amici e della famiglia degli utenti. Ciò significa che non tutti – in realtà la maggioranza – dei tuoi follower vedranno i tuoi post in modo organico. 

Come qualsiasi pubblicità, un annuncio di Facebook è un contenuto a pagamento da condividere con un pubblico specifico e mirato. Non è altro che posizionare il tuo marchio davanti agli occhi giusti e raggiungere i tuoi obiettivi di conversione.

Facebook offre opzioni pubblicitarie progettate per gli obiettivi di business sia all’interno che all’esterno della rete, dalla consapevolezza del marchio e dall’impegno alle installazioni di app e alle visite in negozio.

Una nota importante qui: anche se non prevedi di utilizzare subito gli annunci di Facebook, è una buona idea impostare un pixel di conversione sul tuo sito web. Ciò ti consentirà di accedere a dati importanti quando sarai pronto a lanciare la tua prima campagna.

Un pixel di Facebook è semplicemente una porzione di codice, utilissimo per tracciare le conversioni, effettuare il remarketing verso le persone che hanno già visitato il tuo sito e creare segmenti di pubblico personalizzati mirati. Il pixel inizierà a raccogliere i dati non appena verrà implementato sul sito, quindi sarà disponibile il dettaglio delle informazioni sul pubblico (remarketing e personalizzate) quando avvierai la tua prima campagna.

8. Monitora, misura e perfeziona

Hai impostato gli obiettivi SMART per il tuo piano di marketing su Facebook. Ottimo. Ora è il momento di monitorare e misurare le prestazioni. Guarda cosa ha funzionato e cosa deve essere migliorato e come puoi ottimizzare la tua strategia in futuro.

Puoi misurare il coinvolgimento del pubblico con i contenuti della tua pagina attraverso Facebook Insights. Ciò ti consente di misurare la fanbase,  la reach (quante persone hanno visto i tuoi post) e il coinvolgimento (quante persone hanno apprezzato, fatto clic, condiviso o commentato).

Facebook Insights ti aiuterà anche a determinare quali tipi di post funzionano meglio per la tua pagina, così saprai se il tuo mix attuale è performante o meno.

fb insights

Per le azioni al di fuori di Facebook (come acquisti o conversioni di altri siti web), è necessario utilizzare strumenti come Google Analytics e i parametri UTM. 

Oltre a tenere traccia dei successi che raggiungi, è importante utilizzare le informazioni su ciò che non funziona, per apportare modifiche alla tua strategia. I dati ti mostreranno cosa devi continuare a fare e quali tattiche devi modificare. Attraverso questo ciclo continuo di definizione degli obiettivi, misurazione dei risultati e modifica della strategia, sarà più facile migliorare le prestazioni nel tempo.

Una strategia in crescendo

C’è molto da imparare quando si parla di marketing su Facebook, e all’inizio potrebbe sembrare un po’ caotico e scoraggiante. La buona notizia è che puoi iniziare dall’ABC. E poi costruire strategie più complesse e investire in campagne a pagamento man mano che acquisisci più esperienza.





https://www.ninjamarketing.it/feed/

Chiama per info ed acquisti