Questa startup finlandese crea proteine dall’inquinamento atmosferico e trasforma in cibo la CO2


Solar Foods ha sviluppato un processo che utilizza l’energia rinnovabile e il biossido di carbonio che inquina la nostra atmosfera per creare una proteina alternativa che chiama Solein.

L’azienda afferma che questo processo rende Solein 100 volte più rispettoso del clima rispetto alla produzione di altre fonti di proteine, anche quelle create da piante, e, se si dimostrerà scalabile, la tecnica potrebbe affrontare sia il devastante impatto ambientale delle attuali tecniche agricole sia la necessità di produrre cibo in luoghi in cui tali tecniche non sono praticabili.

LEGGI ANCHE: Mangiare è un atto politico e dovremmo difenderci dalle mele di Cenerentola

Come si crea la proteina green di Solar Foods

Il processo per creare Solein, Solar Foods inizia usando l’energia rinnovabile per separare le cellule d’acqua in idrogeno e ossigeno. Quindi combina l’idrogeno con CO2 e aggiunge potassio, sodio e altri nutrienti.

Successivamente, l’azienda inserisce nella miscela alcuni microbi specifici, che a loro volta creano un ingrediente commestibile. Solar Foods afferma che il procedimento garantisce circa il 20-25% di carboidrati, il 5-10% di grassi e il 50% di proteine.

La produzione di Solein è completamente priva di agricoltura, non richiede terreni coltivabili o irrigazione e non è limitata dalle condizioni climatiche”, ha dichiarato Solar Foods a Dezeen. “Può essere prodotto in qualsiasi parte del mondo, anche in aree in cui la produzione proteica convenzionale non è mai stata possibile“.

LEGGI ANCHE: Ai bambini dovremmo insegnare a mordere la frutta (e a schifare la plastica)

Sul mercato in due anni

Solar Foods spera di entrare Solein nei negozi di alimentari entro i prossimi due anni, probabilmente sotto forma di frullati di proteine o yogurt a base vegetale. L’azienda potrebbe anche collaborare con altre future startup del settore food per arrivare sul mercato con le spalle un po’ più larghe.

“Tutti gli alimenti artificiali e sperimentali prodotti in laboratorio, come la carne artificiale, utilizzano prevalentemente proteine della soia. Se queste aziende scalano, avranno bisogno di enormi quantità di queste proteine, che noi possiamo fornire”, ha dichiarato il CEO Pasi Vainikka a Fast Company.





https://www.ninjamarketing.it/feed/

Chiama per info ed acquisti