Slack si quota in borsa (alla maniera di Spotify). Che c’è da sapere


Slack si quota in borsa. Con una valutazione di 15,6 miliardi di dollari (secondo The Information), la società di Stewart Butterfield e Cal Henderson debutta nelle contrattazioni al New York Stock Exchange (NYSE) con un prezzo di riferimento di 26 dollari ad azione. Come è già successo con Spotify, Slack è la seconda grande società hi-tech che ha scelto la formula del direct listing (invece della più tradizionale IPO) per il debutto a Wall Street.

Che vuol dire. Quotazione diretta significa che gli azionisti esistenti possono vendere le loro azioni, ma la società non emetterà nuove azioni per raccogliere capitale (nell’aprile 2018, il giorno del debutto di Spotify a Wall Street con il direct listing, le azioni finirono la prima giornata di scambi a 149 dollari, al di sopra del prezzo di riferimento di 132 ma sotto il suo primo prezzo con cui è stata scambiata a 165 dollari).

LEGGI ANCHE: È il giorno di Spotify, che va in Borsa nella tempesta

In attesa di Airbnb

Le azioni di Slack verranno scambiate con il ticker WORK. La quotazione di Slack segue quelle di Lyft e Uber e precede quella di Airbnb.

LEGGI ANCHE: Uber si quota in Borsa. Google. Il Blue Moon di Bezos. L’agenda di oggi

Che fa Slack

Una delle funzioni di Slack è la possibilità di organizzare la comunicazione del team attraverso canali specifici. I canali possono essere accessibili a tutto il team o solo ad alcuni membri. È possibile comunicare con il team anche attraverso chat individuali private o chat con due o più membri.

La storia di Slack in breve

Creata da Cal Henderson e Stewart Butterfield, già cofounder di Flickr, nel 2013. Nel 2014 Slack viene ufficialmente lanciata al pubblico, registrando nella prima settimana 120 mila utenti giornalieri. Alla fine del 2014 Slack aveva un valore di 1.2 miliardi di dollari (è considerata la startup con il tasso di crescita più rapido di sempre). A febbraio 2015 Slack raggiunse 500 mila utenti attivi giornalmente e 60 mila team attivi. Nel 2017 la piattaforma ha dichiarato 1,25 milioni di utenti attivi giornalmente e 35 milioni di dollari di ricavi annuali.

Com’è messa Slack. Slack ha ancora i bilanci in rosso nonostante la crescita dei ricavi: al 31 gennaio ha riportato una perdita netta di 138,9 milioni di dollari, a fronte di 400,6 milioni di ricavi, secondo i documenti presentati dalla società alla SEC ad aprile per l’ingresso in Borsa.





https://www.ninjamarketing.it/feed/

Chiama per info ed acquisti